AudioReview 392, ottobre 2017

In distribuzione dal 9 ottobre 2017, AudioReview n.392 dedica grande spazio al test -in anteprima europea se non addirittura mondiale- dei diffusori ELAC Adante AF-61. Il sottotitolo alla foto di copertina: “I segreti di Andrew Jones”, lascia intendere che il noto progettista americano ha messo a punto per questo sistema di altoparlanti delle soluzioni decisamente particolari, che da parte nostra abbiamo analizzato con attenzione e perizia. Basti dire che i tre grossi altoparlanti visibili sul frontale sono in realtà dei radiatori passivi che operano in abbinamento con altrettanti driver posti in distinti volumi interni, realizzando una configurazione definita “doppio carico reflex in serie”. Si tratta di una speciale tipologia di carico acustico che i nostri lettori più attenti e preparati ben conoscono, potendo anche simularne il comportamento con il software LDS/ALAB, edizione aggiornata del famoso Audio for Windows. Le originalità di questo sistema di altoparlanti riguardano anche il filtro crossover che l’autore dell’articolo, Gian Piero Matarazzo, ha esaminato nelle soluzioni più interessanti e ingegnose. Notevole, poi, il comportamento del trasduttore coassiale, composto da un tweeter a cupola morbida inserito in un mediobasso da 13 cm di diametro,  due componenti dalle  eccellenti qualità ai quali è affidata la parte più consistente dell’emissione sonora. L’analisi tecnica è  ovviamente affiancata da dettagliate recensioni d’ascolto a cura dello stesso GPM e del collega Marco Cicogna. Chi altri, se non AudioReview, può offrire un servizio così completo e approfondito sotto il profilo tecnico?
Ma siamo solo all’inizio, perché questo mese la rivista è più ricca che mai di novità in anteprima e di prodotti che possono essere considerati dei riferimenti assoluti nel loro segmento di mercato. Ad esempio, è il caso della cuffia Susvara, il nuovo top di gamma della produzione HiFiMan, un componente che ha messo in fibrillazione i “cuffiofili” più esigenti. Tra questi, infatti, c’è chi sostiene che è difficile chiedere di più ad una cuffia … , a parte un prezzo più abbordabile visto che la Susvara costa il doppio del precedente (e pur validissimo) top di gamma HE-1000.
Per la consolazione di chi ambisce a godere della musica riprodotta spendendo cifre ben più moderate, un altro prodotto di riferimento nella sua categoria merceologica è il DAC e audio streamer di rete Oppo Sonica DAC, un apparecchio che offre prestazioni superlative e costa meno di un sesto della cuffia Susvara. Altrettanto si può dire del Pioneer N-50AE, unità di conversione e lettore di rete compatibile con i segnali ad alta definizione PCM 24/192 e DSD128.
Insieme a tutti questi troviamo in copertina anche un richiamo al Dynaudio Special 40 Anniversary, che si propone come uno dei migliori diffusori da stand dei giorni nostri, non solo sotto il profilo della resa musicale ma anche per l’estetica elegante e lussuosa, edizione speciale nata per celebrare il quarantennale del costruttore danese.
Un altro prodotto “Anniversary Edition” di grande interesse, in prova su questo stesso numero, è il convertitore A/D-D/A modello ADI-2 Pro della RME: una formidabile “scatoletta” di diretta derivazione professionale che può essere adottata come cuore pulsante di impianti high end con funzioni di preamplificatore, essendo provvisto di attenuatore del volume, come ampli per cuffia, come scheda audio per l’acquisizione di materiale analogico (ad esempio tape o vinili) in alta risoluzione, e come correttore della risposta in ambiente.
Gli amanti dell’audio analogico apprezzeranno il test del pre phono Aeron Audio LP-X1 e della macchina lavadischi professionale KLAudio ad ultrasuoni, modello KD-CLM-LP200.
Corposa è anche le sezione dedicata all’audio per il cinema in casa, con la prova degli ampli Denon Heos AVR, Yamaha RX-A1070 e del lettore Ultra HD Blu-Ray Panasonic  DMP-UB400, premiato dall’EISA come best buy player dell’anno.
Tra gli articoli tecnici si segnala la seconda tappa del nostro viaggio nel mondo dell’autocostruzione di sistemi di altoparlanti, con l’esame dei classici caricamenti gestiti dal software LDS: cassa chiusa, reflex e carico simmetrico; indirizzato a chi vuole muovere i primi passi. Mentre chi si è già addentrato nella materia c’è Clessidr 2.0, software per il calcolo di condotti a doppio sviluppo conico.
Nella rubrica tecnica dedicata alle elettroniche a valvole si esamina il comportamento dei trasformatori di uscita per amplificatori single-ended, con le prestazioni a confronto di trasformatori Hammond, F.I.A.T. e Sowter. I risultati sono sorprendenti!
Sul fronte del “vintage” prosegue, nella rubrica Audio Antiquarius, la selezione dei diffusori “senza scadenza” a cura di Massimo Ambrosini, che questo mese ci illustra i Klipsch Heresy prima serie, un prodotto “eretico” del mitico “colonnello” Paul W. Klipsch che è anche l’unico di questo marchio che entra a far parte di questa speciale selezione.
Gli articoli citati sono solo una parte di quelli pubblicati: i prodotti in prova sono ben più numerosi, poi ci sono i reportage, dall’IFA a Sintonie 2017, le notizie, le recensioni musicali, interviste e rubriche fondamentali come la posta dei lettori.
Per una panoramica completa si rimanda al sommario.
Buona lettura, buon ascolto e … molte grazie per il sostegno che vorrete dare alla rivista e al nostro lavoro.
 
The post AudioReview 392, ottobre 2017 appeared first on AudioReview.
Fonte audioreview.it

2017-11-02T08:55:50+00:00 novembre 2nd, 2017|

Scrivi un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi